gemma

Vita e Libertà

La Parrocchia dei Cappuccinini in occasione della 43^ Giornata della Vita si è impegnata nel Progetto Gemma: una raccolta di fondi da destinare ad un Centro di Aiuto alla Vita, per sostenere donne in gravidanza, affinché non intraprendano la scelta dell’aborto. Lo slogan di quest’anno è stato “Vita e Libertà”.

La vita in generale – come la vita di ognuno di noi – è dono di Dio, non è un oggetto da possedere o un manufatto da produrre, è piuttosto una promessa di bene, a cui possiamo partecipare, decidendo di aprirle le porte. Occorre fare riferimento al progetto di Dio per comprendere che “Aprire le porte alla Vita” è accogliere, servire, promuovere la vita umana rendendoci conto che non siamo noi l’origine di noi stessi, ma Dio. Dobbiamo spalancare le porte a ogni vita che nasce; diventare responsabili verso gli altri è “gettare un ponte tra quello che abbiamo ricevuto noi fin dall’inizio della nostra vita, e che ha consentito ad essa di svolgersi, e la cura da prestare responsabilmente agli altri meno fortunati.

Per “aprire le porte al futuro” siamo chiamati all’accoglienza della vita prima e dopo la nascita, in ogni condizione e circostanza in cui essa è debole, minacciata e bisognosa dell’essenziale; tutti possiamo operare per un mondo che riconosca la famiglia come grembo generativo, che sappia accogliere e custodire la vita.

Responsabile protempore del progetto è la D.ssa Cinzia Amadori che con il Progetto Gemma e la collaborazione di tutti i parrocchiani da più di 21 anni ha aiutato a nascere 25 bambini raggiungendo annualmente la considerevole somma di 2.880,00 Euro richiesta dal Centro di Aiuto alla Vita.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
error: Content is protected !!