Unità Pastorale

L’unità pastorale nasce nel 2007, ma le due parrocchie hanno una lunga storia di “contaminazioni” reciproche.

Sin dalla sua nascita (nel 1970, quando fu costituita su una parte del territorio dei Cappuccinini) S. Paolo si dedica a due tesori: i poveri e i disabili (sulle orme di don Oreste Benzi) e la preghiera (seguendo la spiritualità di Padre Andrea Gasparino di Cuneo). La vocazione dei Cappuccinini è invece forte verso il mondo educativo: l’infanzia (Scuola Materna) e ai giovani (oratorio e scoutismo).

Sembrano due traiettorie diverse, ma non mancarono le occasioni di crescita assieme: incontri di calcio, gruppo scout di S. Paolo nato con l’appoggio dei Cappuccinini, giovani dei Cappuccinini che frequentavano la scuola di preghiera di S. Paolo, campi estivi per disabili con volontari delle due parrocchie. Significativa l’attività dei due cori, ognuno al servizio della propria Parrocchia, ma che si uniscono per importanti progetti comuni, senza gelosie e competizione.

Nel 2007, nell’ambito della riorganizzazione diocesana, nasce formalmente l’UP. Si costituisce la “segreteria di UP”, composta dai sacerdoti e da 2 o 3 laici per parrocchia, che si ritrova ogni due mesi, per concretizzare la collaborazione. I Sacerdoti cominciano ad incontrarsi settimanalmente, si coordinano gli orari delle Messe, tutti i sacerdoti iniziano a celebrare la S. Messa in entrambe le chiese, concordando un calendario. Si organizzano le prime iniziative comuni: una Via Crucis insieme, lungo le strade; due rosari nel mese di maggio, uno in una piazza dei Cappuccinini e uno in un parco di San Paolo.
Nel 2009 cominciano le prime riunioni congiunte dei due Consigli Pastorali Parrocchiali. Continua la collaborazione tra animatori dei gruppi giovanili: scout e AC delle due parrocchie si ritrovano assieme per i ritiri spirituali di Avvento.
Nel 2010 esce, per Pasqua, il primo Notiziario comune e viene distribuito durante le benedizioni un unico vademecum con tutte le notizie utili su entrambe le parrocchie. Anche le feste parrocchiali iniziano a integrarsi: ancora distinte, ma senza sovrapposizioni di calendario, con partecipazione reciproca e messa in comune di spazi e materiali.
Nell’ottobre 2012 si celebra in Duomo, per la prima volta insieme, la Cresima, preceduta da incontri comuni dei cresimandi durante l’anno e un ritiro unitario ai Tre Faggi.
Il percorso di S. Paolo di catechesi prebattesimale nelle famiglie viene esportato anche ai Cappuccinini, diventando un’attività di UP. Dall’esperienza della Nuova Immagine di Parrocchia (NIP) di S. Paolo, nasce la progettazione pastorale comune, con un progetto unitario e un calendario condiviso.

Importanti sono stati i progressi degli ultimi anni, iniziati nel 2014 con la nomina di un unico parroco per entrambe le parrocchie:

  • si forma un Consiglio di UP, composto dai consiglieri dei due CPP, diradando sempre di più gli incontri dei due Consigli parrocchiali divisi;
  • iniziano le adorazioni notturne comuni per Avvento e Quaresima;
  • si celebrano insieme le messe di apertura dell’anno pastorale e delle Palme, nell’anfiteatro di v. Dragoni;
  • è poi di grande portata e sforzo l’avvio del nuovo comune Percorso di Iniziazione Cristiana (PIC).

Gradualmente, ma decisamente, si passa dalla “federazione” di gruppi, con sussidiarietà e aiuto reciproco, alla progettazione unitaria.
Nel gennaio 2020 si giunge infine al grande traguardo di un unico Consiglio Pastorale di UP, con un apposito statuto, eliminando i due CPP preesistenti.


(febbraio 2020)