Id: 011N

Il racconto del pastore

Non sono ancora stati trascritti accordi

Una notte vegliavo all’aperto
e una luce improvvisa brillò;
il mio gregge che stava dormendo
non intese colui che chiamò.
Era un angelo grande e lucente
ed il cuore nel petto tremò.
“Non abbiate paura”, ci disse:
“un annuncio di gioia vi do.

Oggi è nato il Signore Messia,
come Davide, nella città.
Questo è il segno: in un’umile stalla
giace un bimbo che vi salverà”
E altri mille si unirono a lui,
ed un canto di lode si alzò:
“Gloria a Dio nel più alto dei cieli!
Pace agli uomini ch’Egli salvò!”

Sono andato con gli altri a Betlemme
per vedere il palazzo del re:
ho trovato il bambino e la greppia;
era un povero simile a me.
Poi abbiamo narrato alla gente
che non c’era da attendere più.
E da allora non sogno più altro
che incontrare quell’uomo: Gesù!